Editing humanity

Una delle rivoluzioni scientifiche più degne di nota che abbiamo mai visto: l’autore Kevin Davies definisce in questo modo CRISPR, l’ormai famoso “nano-kit” degli attrezzi per modificare il DNA

Un resoconto alla scoperta dei protagonisti della storia di CRISPR dagli anni ’70, con le prime applicazioni dell’ingegneria genetica, al 2020, anno in cui le scopritrici della tecnica di editing genomico – Jennifer Doudna e Emmanuelle Charpentier – hanno vinto il Premio Nobel per la Chimica. Un racconto avvincente e ricco di particolari e curiosità storiche non scontate, che aiutano il lettore a immergersi nel mondo di CRISPR senza difficoltà, anche grazie alla sezione fotografica presente all’interno del libro. La narrazione è scorrevole e coinvolgente, anche se gli aspetti bioetici, sociali e regolatori non sono affrontati a 360 gradi ma spesso solo accennati.

The code breaker

"The code breaker": Walter Isaacson svela curiosità, ricordi e confidenze dei pionieri di CRISPR. La recensione di Anna Meldolesi su CRISPeR MANIA

Ricevere le attenzioni di Walter Isaacson è un’altra medaglia che Jennifer Doudna può appendersi al camice. Biografo e giornalista appassionato di storia, Isaacson è una delle penne più influenti degli Stati Uniti (tra le altre cose ha guidato la CNN). Prima di dedicarsi all’inventrice di CRISPR ha ritratto Steve Jobs, Leonardo da Vinci, Albert Einstein, Benjamin Franklin e Henry Kissinger, arrivando al grande pubblico senza dispiacere ai lettori raffinati. Ora sceglie per la prima volta una donna, e per la prima volta si misura con la biologia. Anche se a essere onesti “The code breaker” non è una vera e propria biografia di Doudna: il libro si sofferma su Jennifer più che sulle altre figure chiave della saga di CRISPR (a mio avviso giustamente), ma racconta un’impresa corale (e anche questo è un bene).

Il Gene. Il viaggio dell’uomo al centro della vita

Siddhartha Mukherjee, onco-ematologo e scrittore, racconta con brio e precisione la scoperta dei geni e la nascita della genetica, partendo da Darwin e Mendel e arrivando a Doudna e Charpentier

A chiunque sia capitato di leggere l’Imperatore del Male - una biografia del cancro (Neri Pozza, 2011) non potrà più uscire di mente il nome - per quanto difficile da pronunciare correttamente - di Siddhartha Mukherjee, oncologo ed ematologo di New Delhi, che proprio con il suo romanzo d’esordio del 2011 ha vinto il premio Pulitzer per la saggistica. Infatti, con l’Imperatore del Male Mukherjee è stato in grado di raccontare con trasporto e meticolosità le origini, gli sviluppi e anche le linee di crescita futura del settore dell’oncologia. Non è facile affrontare una tale impresa e solo una ricchissima preparazione e una brillante capacità di comunicazione avrebbero permesso di ripeterla: Siddhartha Mukherjee ci è riuscito e stavolta ha messo al centro la genetica.

Libri per Natale

I libri sono sempre un bel regalo (per Natale, ma non solo), specialmente se coincidono con i gusti di chi li riceve. Ma cosa regalare a chi è appassionato di scienza, biomedicina e terapie avanzate?

Scientificamente accurati, ma avvincenti come un romanzo e, quasi sempre, con un linguaggio alla portata di tutti: i libri di divulgazione scientifica sono il regalo perfetto per gli appassionati del genere. Possono farci approfondire un argomento, scoprire qualcosa di mai sentito prima, immergere in storie pazzesche (perché la scienza è fatta di persone e dietro alle persone ci sono sempre delle storie inaspettate), cambiare punto di vista e amare ancora di più il mondo multi-sfaccettato della scienza! I temi sono ovviamente moltissimi, ma questa breve lista si concentrerà sui libri che parlano di quello che leggete anche su Osservatorio Terapie Avanzate. Iniziamo!

Con il contributo incondizionato di

Website by Digitest.net



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento Maggiori informazioni