Fumetto CAR-T

Le terapie avanzate raccontate dall’Osservatorio Terapie Avanzate. Si comincia con le CAR-T attraverso un podcast e un fumetto

Dopo aver illustrato i progressi scientifici e le sfide riguardo le terapie CAR-T attraverso i tanti articoli sul portale e con l’ebook “Le terapie CAR-T, dal laboratorio al paziente”, Osservatorio Terapie Avanzate ha voluto raccontare questa rivoluzione biomedica nel campo dei tumori nella maniera più semplice possibile e alla portata di tutti: con un podcast e un fumetto. La voce narrante del podcast accompagna l’ascoltatore lungo il percorso scientifico, iniziato alla fine del ‘800, che ha portato all’ideazione e allo sviluppo delle cellule CAR-T. Il fumetto, in cui i linfociti T vengono rappresentati come guerrieri addestrati, illustra come funziona il nostro sistema immunitario e come questo venga “armato” per combattere leucemie e linfomi. E si spera, in un futuro prossimo, anche tumori solidi.

Emily Whitehead oggi è un’adolescente di 15 anni che va a scuola e fa più o meno le stesse cose di tutti i ragazzi e le ragazze della sua età ma il suo nome è destinato a restare impresso nella storia della medicina perché Emily è stata la prima paziente a ricevere un trattamento a base di cellule CAR-T. Infatti, all’età di 7 anni Emily fu colpita da una forma di leucemia linfoblastica acuta (ALL) particolarmente resistente ai trattamenti e, nell’aprile 2012, quando i medici decisero di sottoporla al trattamento sperimentale, Emily era alla seconda ricaduta della malattia. Le CAR-T erano l’ultimo tentativo di salvarle la vita.

Al di là del fatto che Emily Whitehead sia stata la prima paziente pediatrica a beneficiare di queste innovative terapie, colpisce il fatto che fosse solo una bambina che con la leucemia, gli ospedali e i trattamenti sperimentali non avrebbe mai dovuto avere a che fare. Quello di Emily è stato - fortunatamente - un finale felice poiché le terapie a base di CAR-T hanno sconfitto la sua malattia restituendola alla sua famiglia e alla sua vita. Tuttavia, la battaglia è stata durissima: Emily ha sperimentato la sindrome da rilascio delle citochine, uno degli eventi avversi più gravi associati al trattamento ma i medici del Children's Hospital di Philadelphia, sono riusciti a bloccare questa tempesta citochinica e dopo poche settimane le analisi sul midollo della piccola paziente rivelarono che la malattia era sparita.

Oggi tre diverse terapie a base di cellule CAR-T sono state approvate contro alcune forme di leucemia e di linfoma sia negli Stati Uniti che in Europa (vedi la tabella le terapie avanzate approvate in Europa e in Italia) e sono allo studio anche contro i tumori solidi ma è la loro stessa natura a renderle speciali. La storia di quei linfociti T che, come la fenice, risorgono dalle loro ceneri e vincono il cancro è quella che tutti vogliamo sentire e speriamo di poter sempre raccontare.

Nel podcast - che è possibile ascoltare a questo link - Enrico Orzes e Francesca Ceradini accompagnano l’ascoltatore lungo il percorso scientifico, iniziato alla fine del ‘800, che ha portato all’ideazione e allo sviluppo delle cellule CAR-T. Terapie che stanno dimostrando importanti risultati ma che hanno anche punti deboli, come la complessità di produzione, un elevato costo e la necessità di una riorganizzazione del sistema salute.

Il fumetto, realizzato da Maria Orzes, Enrico Orzes e Rachele Mazzaracca e scaricabile QUI, parte dal presupposto che le CAR-T sono terapie rivolte anche a pazienti pediatrici e utilizza quindi un linguaggio più “giovane” per far loro comprendere cosa siano le terapie avanzate che potrebbero guarirli. I linfociti T del sistema immunitario, apparentemente sconfitti, vengono “potenziati” e si trasformano in supereroi con la corazza pronti ad attaccare le “cellule cattive”. Come nei cartoni animati, questi “Power Rangers” della medicina moderna trionfano sui malvagi in un lieto fine.

 

Con il contributo incondizionato di

Website by Digitest.net



Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento Maggiori informazioni